Raccontare una storia è anche liberarsene

Quando avremo finito di raccontare questa storia, potremo finalmente chiuderla, insieme a voi, proprio come si chiudono i libri e voi chiuderete questo. Potremo appoggiarla da qualche parte e sperare di cominciare a vivere una vita nuova. Sarà come quando si riempiono scatoloni in vista di un trasloco: i nostri oggetti sono lì, carichi di ricordi e di emotività, ce li rigiriamo tra le mani e la testa si riempie di immagini, volti e momenti. Scegliamo cosa tenere e cosa buttare. Anche se è difficile, sappiamo che quella data fotografia che teniamo in mano indecisi se farla scivolare in un mucchio oppure nell’altro, nella nostra prossima vita sarà forse ancora in grado di ferirci. E allora lo facciamo, la guardiamo nei minimi dettagli, studiandola, per l’ultima volta, poi un colpo secco del polso e la foto vola, capovolta, tra i rifiuti. 

Annunci

6 commenti on “Raccontare una storia è anche liberarsene”

  1. feritoie ha detto:

    E’ forse la più insidiosa delle speranze affidate alla scrittura, paragonabile alla fede nella Giustizia divina.

  2. So* ha detto:

    La scrittura come esorcismo/evacuazione. Credo sia la spinta più sincera che ci mette alla tastiera. Grazie 🙂

  3. Margherita ha detto:

    Questa frase me la disse, tanti anni fa, una nostra conoscenza comune: Marco Bettini.

    • Simona Vinci ha detto:

      Davvero? A me non l’ha mai detta. 🙂 Ma immagino sia una riflessione comune a tanti scrittori (e anche a tanti che scrittori non sono: le storie, in un modo o nell’altro le raccontiamo tutti…). simona

      • Margherita ha detto:

        “Narrare” fa parte della vita di tutti, ma il “racconto” che, secondo me, intendi tu ed intendeva al tempo lui, è un racconto che giunge al processo di conclusione quando tutti i pezzi sono stati raccolti, messi insieme ed impacchettati in maniera non solo simbolica ma anche fisica. Un libro è perfetto per questo genere di azione perché è per eccellenza concreto, materiale: lo metti su una mensola e lì puoi abbandonarlo insieme ai pensieri che contiene.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...