Quali nuove poesie sei andata a cercare?

Cinque sirene ti condurranno
lungo il cammino di alghe e coralli
e fosforescenti cavallucci marini faranno
una ronda al tuo lato.
E gli abitanti dell’acqua ti nuoteranno
subito al lato

Abbassa ancora un po’ la luce
lasciami dormire in pace, tatina mia
e se chiama non dirgli che ci sono,
digli che Alfonsina non torna,
e se chiama non dirgli mai che ci sono
digli che me ne sto andando.

Te ne vai Alfonsina con la tua solitudine
Quali nuove poesie sei andata a cercare?
E una voce antica di vento e di mare
ti lacera l’anima
e sta là chiamando
e tu vai, fin là, come in sogno
Alfonsina addormentata, vestita di mare.
Alfonsina Y el mar

Alfonsina Storni – a lei è ispirata questa canzone di Ariel Ramirez e Felix Luna che è ormai un classico – è stata una poetessa, una giornalista, una drammaturga e soprattutto una donna libera, in un tempo in cui, per una donna, essere libera era ancora più difficile di oggi. (Perché ancora oggi, in molte parti del mondo essere una donna è un inferno, e anche dalle nostre parti non è sempre così facile come ci piace immaginare.) Alfonsina la sua libertà l’ha pagata cara, ma la libertà, per chi davvero desidera – o non può fare a meno di- essere libero non avrà mai un prezzo troppo alto. Qualche giorno prima di allontanarsi per sempre nelle acque di Mar Del Plata, scrisse la sua ultima poesia, questa:

Voglio dormire

Denti di fiori, cuffia di rugiada,
erbose mani, tu, nutrice lieve,
tienimi pronte le lenzuola di terra
e la coperta di muschio cardato.

Vado a dormire, o mia nutrice, cullami
Ponimi una lucerna al capezzale
una costellazione; quella che ti piace;
tutte van bene; smorzala un pochino.

Lasciami sola: ascolta erompere i germogli…
un piede celeste ti culla dall’alto
e un passero ti traccia uno spartito

perché dimentichi… Grazie. Ah, un incarico
se lui chiama di nuovo per telefono
digli che non insista, sono andata…

(Scritto presumibilmente fra il 20 e il 21 di Ottobre 1938, fu da lei inviato personalmente a "La Nación" e pubblicato il giorno dopo la sua morte)

PS. Avishai Cohen è un contrabbassista israeliano. Compositore, suona anche il pianoforte e come si può dedurre dal video, canta.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...