Festival del Racconto- Cremona

1669

Domenica 19 aprile alle 15 sarò al Festival del Racconto di Cremona per una lettura.
Di cosa? Se ci saranno due microfoni e due postazioni-lettura, mi sdoppierò, e leggerò dai Dialoghi con Leucò di Cesare Pavese, in caso contrario, due racconti del troppo poco ricordato Giovanni Arpino.
Annunci

3 commenti on “Festival del Racconto- Cremona”

  1. kuntkobain ha detto:

    Me Grand Turin

    Russ cume ‘l sang
    fort cume ‘l Barbera
    veuj ricurdete adess, me grand Turin,
    En cui ani ‘d sagrin
    unica e sula la tua blessa jera.

    Vnisìu dal gnente, da guera e da fam,
    carri bestiame, tessere, galera,
    fratej mort en Russia e partigian,
    famiìe spantià, sperduva ogni bandiera.

    A jeru pover, livid, sbaruvà,
    gnanca ‘n sold ‘n sla pel e per rusché
    at duravi surié, brighè, preghè
    fina a l’ultima gusa del to fià

    Fumè a vuria dì na cica ‘n quat,
    per divertisse a duviu rii ‘d poc,
    per mangè a mangiavu fina i gat,
    jeru gnun: i furb cume i fabioc.

    Ma ‘n fiur l’aviu e t’jeri ti, Turin,
    tajà ‘n tl’asel jera la tua bravura
    giuventù nostra, che tuti i sagrin
    purtavi via cunt tua facia dura.

    Tua facia d’uveriè, me Valentin!,
    me Castian, Riga, Loik, e cul pistin
    ‘d Gabett, ca fasia vni tuti fol
    cunt vint dribbling e poi jera già gol

    Filadelfia! Ma chi sarà ‘l vilan
    a ciamelu ‘n camp? Jera na cuna,
    ‘d speranse, ‘d vita, ‘d rinasensa,
    jera sugnè, crià, jera la luna,
    jera la strà dla nostra chersensa.

    T’las vinciù ‘l mund
    a vintani t’ses mort.
    Me Turin grand
    me Turin fort.

    Giovanni Arpino

    adoro questa poesia, se è vero che è decisamente troppo poco ricordato, vorrei ricordarlo con queste rime in piemontese sulla leggenda sportiva italiana del dopoguerra.

  2. KingOfPumpkins ha detto:

    … mmh… ma quella foto è la cover del libro “Il giorno in cui mia figlia impazzì”, debbo comprarlo assolutamente così come il tuo ultimo “Nel bianco”. Prima, però, ho da approfondire la conoscenza dell’opera di Jonathan Carroll e di Martin Millar.
    Sai una cosa?
    Mi piacerebbe farti un piccolo foro nel cranio ed infilarci una cannuccia colorata per suggere – termine tipicamente pavesiano – tutto il genio meraviglioso che è in te.
    Ci si vede su anobii,
    un abbraccio.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...