Scuse

Chiedo scusa. A tutti quelli che mi cercano e non mi trovano. A quelli che mi scrivono e ai quali non arriva una risposta. A quelli che mi invitano a cena e hanno la sensazione di essere Jannacci che cerca di prendere un appuntamento con il Papa in quel meraviglioso film di Ferreri. Non lo faccio apposta. Oggi sono due settimane esatte che sono tornata da un viaggio che è stato impegnativo da molti punti di vista. A casa, a Bologna, ci sono rimasta tre giorni. Scadenze opprimenti, cose rimandate da mesi che tornano a farsi pressanti. Notti quasi insonni e risvegli inquieti. Non ho ancora capito chi è a correre più veloce: io o la vita. Certo è che non siamo in sincrono.

Ovunque mi trovi, sul pavimento c’è sempre almeno una valigia aperta, mezza piena e mezza vuota. Libri crivellati di post-it coperti di crittogrammi misteriosi e rimpianti che non ho il tempo di approfondire.
 

Annunci

9 commenti on “Scuse”

  1. Cenresig ha detto:

    Ciao Simona, quando hai tempo spero scriverai per noi di Argo. Baci e complimenti, te li meriti tutti.

  2. utente anonimo ha detto:

    Ti vogliamo bene lo stesso. 😉

  3. saverioluzzi ha detto:

    Il post 2 era mio.
    Scusate, non l’avevo firmato e non sapevo sarebbe stato meglio registrarsi.

    Saverio

  4. violentafiducia ha detto:

    Qualcuno aspetta anni, senza sapere precisamente cosa. Nell’aria c’è solo un odore scomposto di valigie aperte come tagli. Ed è riconoscibile. Come l’odore di un ritorno, o di un abbraccio.
    E per me è un abbraccio il tuo ritorno.
    Ti aspetto presto, da qualsiasi parte.

  5. matrix1963 ha detto:

    Bè, da quanto dici, sembrerebbe che sei tu a correre più velocemente della tua stessa vita…

  6. utente anonimo ha detto:

    It”s a crime I never told you about the diamonds in your eyes…
    (magnifica canzone: il titolo ti si addice…)

    bentornata

    nerval

  7. utente anonimo ha detto:

    Sono tra coloro che ti ha scritto senza ricevere una risposta… ma non c’è niente di cui scusarsi. La vita di tutti è piena di complicazioni complicate, e se hai internet e internet e cellulare non ce la puoi davvero fare a rimanere al passo. Mi guarderò quel bellissimo film di Ferreri con jannacci! Mi fa venire in mente Hans Schnier (il protagonista di Opinioni di un Clown), lui voleva parlare con il papa per riprendersi la sua donna che era scappata con un cattolico molto importante.
    Ciao, Giorgio.

  8. utente anonimo ha detto:

    Come non capirti, Simona…a me pare che la vita mi abbia ormai superata da un pezzo…
    Loredana

  9. utente anonimo ha detto:

    ……(uno tra quelli che non hanno ricevuto risposta)…….
    Invece le scuse dobbiamo farle a Te, visto che a volte siamo invadenti invasori del Tuo spazio e del Tuo tempo, magari solo per semplici saluti o banali battute.
    … Grazie per tutto ciò che scrivi o fai……
    Namastè
    df


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...