Kalaallit Nunat

Questo è il posto.  Questa, la libreria internet-café dove immagino passerò un po’ di tempo. Ho paura. Della solitudine. Del freddo. Della fatica. Delle cose da imparare in una lingua della quale non capisco nulla. Ma voglio sapere. Come Gretel Herlich voglio sapere "come gli eschimesi avessero fatto del loro freddo impero dell’"età della pietra" un universo morale; come la celebrazione e il tabù fungessero da soglia e da muro; come il ghiaccio funzionasse da acciarino con il quale dare fuoco alla loro immaginazione." Voglio sapere come si scioglie l’ice-cap e cosa raccontano i tracciati dei carotaggi. Voglio sapere come ci si sente ad essere ai margini di tutto. Come ci sente in un mondo che della tua cultura non ha il minimo rispetto e che fa di tutto per portarti dalla sua parte, che non è e mai lo sarà, la tua.

Torno a metà maggio.

Annunci

5 commenti on “Kalaallit Nunat”

  1. utente anonimo ha detto:

    …e che il freddo sia sempre e solo fuori……buon viaggio
    df

  2. utente anonimo ha detto:

    Buon viaggio e grazie.
    Sto leggendo “Strada provinciale tre”. E’ per me qualcosa di nobile, un libro che mi ha toccato nel profondo. Ti auguro le cose migliori

  3. utente anonimo ha detto:

    Ciao Simona, sono Kay Rush. Complimenti per il tuo lavoro. Mi hanno proposto di interpretare la versione teatrale di un tuo romanzo (Stanza 411). Da poco, mi sono dedicata alla scrittura (che è quello che ho studiato secoli fa in università) e quando mi hanno chiesto se volevo recitare, all’inizio, ho risposto di no, poi, il regista mi ha detto che il testo era tuo e devo dire che, ora, la cosa mi interessa molto di più. Vediamo come andrà a finire. Ti terrò aggiornata. Ah, quasi dimenticavo…sono stata in Groenlandia, a Kulusik. Il mondo è piccolo, vero? http://www.kayrush.net

  4. utente anonimo ha detto:

    Enzo diceva: pensare tutto, per poter un giorno, finalmente, non pensare niente. Rinunciare al giudizio, lasciare che l’esperienza si organizzi senza un intervento normalizzatore. Non riesco a immaginare altro.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...