Inverno

L’inverno provoca in noi curiose opposizioni. Per quanto possa apparire minacciosa, una parete di neve fa da protezione alla nostra psiche vacillante. Tutto questo freddo ha un effetto anestetizzante: il battito cardiaco rallenta e la coltre di neve induce al sonno… L’inverno ha il cranio levigato e ogni nostro slittamento sul ghiaccio nero è cerebrale….Ridotti alla cecità dalla neve, scegliamo cosa vedere e sentire mentre il dolore si cancella da solo. All’asfissia e all’ignoranza si accompagna però anche il rinnovamento: neve sugli zigomi arrossati e una forma incontaminata di pensiero… D’inverno, la coscienza somiglia a un’acquaforte.

Gretel Ehrlich, L’incanto degli spazi aperti

Mentre qui sbocciano i primi fiori, il cielo smette quella sua cappa grigia opprimente e fa sventolare colori sulla pianura, io sto con la testa china su mappe di ghiaccio. Niente strade, niente sentieri, solo crepacci e distese di neve che ogni tre passi cambia consistenza e dunque nome. Tra poco parto. Manca ancora una parte di attrezzatura e il vecchio trolley blu non è in grado di contenere tutta quella roba. A Gennaio sono partita per l’Africa con un paio di desert boots, un costume e tre magliette e invece adesso, in valigia, tute termiche e moffole, calzettoni di lana e maglie di pile. Leggo i diari di Knud Rasmussen e chiudo gli occhi quando la spedizione, affamata, è costretta ad uccidere uno dei cani della muta da slitta per cibarsi. Leggo di riscaldamento globale, di carotaggi del ghiaccio, di navi e uomini scomparsi nel nulla bianco, di sciamani inuit e di caccia alle balene.

Arriva la primavera, e io cammino all’indietro, verso il cuore dell’inverno.

Annunci

2 commenti on “Inverno”

  1. Achille81 ha detto:

    ehi…bentornata 🙂

  2. ghiaccioblu ha detto:

    Achille 81: Tornata. Ripartita. Ritornata. Di nuovo in partenza. C’è una cosa che ogni tanto mi risuona in testa, che in una vita precedente mi aveva scritto un qualcuno che amavo: “Andare. Venire. Restare. Ma continuando ad andare e venire.” E’ l’unico equilibrio possibile, per me, adesso.

    Un abbraccio. Ci vediamo presto ché mi devi presentare i tuoi studenti, e poi i tuoi pazienti. 🙂

    s.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...