Sentieri nel ghiaccio

...uno che andava a piedi, e perciò, un indifeso…

Ognuno di noi dovrebbe camminare.

Werner Herzog, Sentieri nel ghiaccio

E’ possibile salvare qualcuno che sta per morire semplicemente mettendosi a camminare, e percorrendo così, a piedi, in solitudine, la distanza che separa Monaco da Parigi? Chi lo sa. Quello che conta, è provarci. Nell’inverno del 1974 Werner Herzog ci provò. La sua amica Lotte Eisner era malata, e lui decise di raggiungerla camminando. Finché lui avesse continuato a camminare, pensava, lei non sarebbe morta, no, proprio non poteva morire. Un taccuino, una bussola, un paio di stivali nuovi e via per le strade, i boschi, le bufere di neve e di pioggia, i campi, i ricoveri di fortuna, case disabitate, fattorie, piccoli paesi persi nella nebbia, gatti, uccelli, bambini, pecore, fabbriche, visioni. Questo piccolo libro è il resoconto di quei giorni: dal 23 novembre al 14 dicembre 1974.

Annunci

3 commenti on “Sentieri nel ghiaccio”

  1. AntonioSabino ha detto:

    Grazie per la segnalazione, già l’idea è affascinante, un winterreise nel più puro stile tedesco.
    Antonio

  2. Asrael ha detto:

    carino. edito da?

  3. ghiaccioblu ha detto:

    non lo definirei proprio ‘carino’…ma insomma…;-) l’editore è Guanda, se clicchi sul titolo c’è il link

    s


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...