fountain 02The fountain, Darren Aronofsky
La musica.

La luce, mutata

Non ci vediamo più nella stessa luce,
Gli occhi e le mani non sono più gli stessi.
L’albero è più vicino, più viva la voce delle fonti,
E più profondi i nostri passi, tra i morti.

Dio che non sei, posa la mano sulla nostra spalla,
Abbozza il nostro corpo col peso del tuo ritorno,
Compi la fusione delle nostre anime agli astri,
Ai boschi, alle grida d’uccelli, alle ombre e ai giorni.

Rinuncia te in noi come si squarcia un frutto,
E noi cancella in te. Rivela il senso
Misterioso di ciò che è solo semplice
e senza fuoco cadrebbe in parole senza amore.

Yves Bonnefoy, Ieri deserto regnante-Pietra scritta

Un film che ti fa ripensare alla poesia mille volte sottolineata di un poeta che ami. A quel libro, strappato a metà: una è rimasta con te, l’altra forse ora è in Cina, insieme all’amico che un giorno d’aprile ha preso un taglierino: ecco, i libri amati si dividono, come fossero pane. Poi il tempo passa, arriva qualcuno, con un gesto misterioso, e così semplice, tende la mano: le poesie perdute le ritrovi scritte lì.


Annunci

6 commenti on “”

  1. poetamaledetto0 ha detto:

    alcuni libri hanno pagine piene di ferite

  2. DevilsTrainers ha detto:

    L’occhio ti scorge
    semplificato dalla distanza
    in un’origine,
    testa fiammante di petali
    in esplosione infinita.
    Il calore è l’eco del tuo
    oro.

    Philip Larkin, Solare (Finestre alte)

  3. erremme ha detto:

    post sensibile direi..

  4. utente anonimo ha detto:

    Sono la ragazza che abita nel paese del Radiotelescopio, non mi sono presentata, ma forse hai già visto il blog che ho appena aperto, sono Desi, 26 anni. In bocca al lupo per domani!

  5. ghiaccioblu ha detto:

    poetamaledetto: i miei sì, io i libri li distruggo: orecchie, segni, tagli, briciole, macchie di caffé, loro feriscono me e io ferisco loro, è una lotta, quella con i libri. come l’amore. e odio quelli che trattano i libri con prudenza. la prudenza è una pessima abitudine, nella vita.

    P.
    Anche Finestre alte è uno di ‘quei’ libri.
    ‘Ci saranno sì dei libri; e qualcosa/nelle gallerie ancora; ma per noi/soltanto pneumatici e cemento.”
    Grazie. You look like gold to me…per citare un poeta ‘minore’: Ben Harper… 🙂

    erremme: grazie. è dedicato a una persona sensibile, in effetti.

    desi: ancora non ho avuto il tempo di leggerti, ma lo farò. potremmo prendere un caffé a metà strada, in un giorno di sole, lo conosci il bar dell’Olmo? anche se non abito più a Budrio, torno spesso. ciao. s.

  6. utente anonimo ha detto:

    in tutti i sensi come l’amore è un libro straordinario…racconti come “cortile” o “cose”, da brividi.
    grazie per questo
    pietro


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...